Post taggati ‘pop surrealism’

Wonder Woman by Tara McPherson x Kidrobot

kidrobot-tara-mcpherson-wonder-woman

Fra gli ultimi arrivi in negozio c’è una fantastica Wonder Woman ridisegnata dall’artista pop surrealista Tara McPherson in collaborazione con il toy maker Kidrobot. La statuina in vinile, alta circa 28 centimetri, raffigura l’eroina DC che impugna il suo indistruttibile lazo d’oro.

Tara McPherson si è formata nella scena artistica lowbrow della California degli anni ’90 e ha saputo distillare il fermento culturale di quegli anni in uno stile al contempo originale e ricco di ispirazioni: dalle arti figurative allo streetwear, dall’astrofisica al rock and roll.

Il suo immaginario è popolato da figure femminili affascinanti, fisicamente esili ma dotate di una forza misteriosa che traspare dalle pose e dagli sguardi. “Noi artisti abbiamo voci potenti con cui diffondere le nostre idee. Per me è importantissimo creare icone femminili forti, per promuovere l’uguaglianza e la forza della femminilità”, ha dichiarato in un’intervista. E icona è la parola migliore per definire Wonder Woman, l’invincibile amazzone creata nel 1941 come prima eroina dell’universo DC e reinventata in questi ultimi anni come moderno simbolo femminista.

tara-mcpherson-1

La Wonder Woman di McPherson è però declinata secondo il suo particolarissimo stile: pelle verdastra, sguardo enigmatico e la caratteristica maschera blu intorno agli occhi. Questo stile è stato definito sweetly creepy, dolcemente inquietante. L’artista ne spiega così l’ambiguità: “Nella mia estetica è importante il dualismo: dolce e inquietante, ideale e crudo, bello e brutto. Prendere due forze opposte e metterle insieme per creare una tensione dinamica”. Qualcosa che attira ma nello stesso tempo, quasi impercettibilmente, respinge. Il risultato è una collezione di scene oniriche e irreali, in cui immagini ovattate dai colori pastello sono costellate da particolari insoliti e disturbanti.

McPherson ama variare i supporti scelti per le sue opere e produrre lavori ibridi. Fra le sue precedenti collaborazioni con Kidrobot ricordiamo Black Lilitu, premiato come art toy dell’anno ai DTA 2012, e la partecipazione alla serie Dunny Femme Fatale. E segnaliamo l’imminente uscita di Skull Flower, prodotto da ToyQube e prossimamente disponibile nel nostro negozio.

Per chi volesse vedere la sua arte dal vivo, alcune sue opere sono esposte fino al 15 gennaio a Roma, presso Dorothy Circus Gallery, all’interno della mostra collettiva che celebra il decimo anniversario della galleria romana.

Qui trovi tutti gli articoli di Tara McPherson disponibili nel nostro negozio.
Qui tutti gli articoli di Kidrobot.
Qui tutti gli articoli dedicati a Wonder Woman.

tara-mcpherson-2

Hi-Fructose Collected Edition Vol. 2

fructose

Hi-Fructose Collected Edition Vol. 2 e’ il secondo volume che raccoglie i migliori reportage, articoli e interviste della raffinata e molto ricercata rivista d’arte Hi-Fructose.

Il magazine e’ una fusione di artisti affermati ed emergenti, e punta i riflettori sugli sviluppi delle varie contro culure di tutto il mondo. Il libro, dalla copertina rigida e spessa, e’ un’estensione del materiale migliore che viene proposto nei numeri da 5 a 8 della rivista.

Nella lista degli artisti che appaiono in Hi-Fructose Vol. 2 sono inclusi nomi molto importanti, come la bravissima Camille Rose Garcia, Mars-1, Edwin Ushiro, Travis Louie e la grandiosa Marion Peck.

Focalizzato apertamente sull’arte che trascende i generi e i trend, questo volume assicura dei contenuti indubbiamente innovativi, originali e rilevanti, ed e’ un must da aggiungere alla propria, personale libreria.

Animal Love Summer by Marion Peck

animallovesummermp

Marion Peck nasce il 3 ottobre 1963, a Manila, nelle Filippine. Cresciuta a Seattle, ha frequentato scuole di disegno a New York e a Roma. Nel 2009, dopo svariati anni di fidanzamento, sposa il famoso e bravissimo Mark Ryden. E’ considerata una figura di spicco nel mondo dell’arte pop surrealista femminile.

Animal Love Summer, edito da Last Gasp, e’ una monografia di 128 pagine sull’artista, la cui fantasia e’ popolata da creature strane, belle e misteriose, insieme a paesaggi bucolici e malinconici. Esplorando i suoi lavori, ci si imbatte in una miriade di tematiche, come la speranza, l’amore, la disperazione, la nostalgia e la morte, incontrando personaggi insoliti, animali dagli occhi grandi, re e regine.

Con riferimenti che vanno da Bruegel a Holly Hobbie, la pittrice esplora le profondita’ della storia dell’arte, della cultura popolare e dell’esperienza umana, al fine di creare i suoi scenarii meticolosi.

Dopo il salto, alcune meravigliose opere di Marion Peck illustrate in questo bellissimo libro.

Fujiyama Girls at Mondo Bizzarro Gallery Roma

fujiyama-girls-poster

Dato che Junko Mizuno e’ nella top list dei miei artisti preferiti, colgo l’occasione per segnalarvi un evento a mio parere molto molto interessante…

Si tratta della mostra Fujiyama Girls, che si tiene a Roma, alla Mondo Bizzarro Gallery, galleria d’arte da tenere d’occhio, perche’ ospita ed ha ospitato artisti molto interessanti, come il bravissimo Mark Ryden, uno dei maggiori esponenti della corrente artistica del Pop Surrealism.

La mostra, aperta fino al 23 gennaio 2011, si orienta sul mondo dell’immaginario sessuale visto attraverso gli occhi di tre artiste giapponesi, ovvero Junko Mizuno, Yuka Yamaguchi e Makiko Sugawa.

Che dire, beati coloro che hanno la possibilita’ di fare un salto a Roma!

Antonio Colombo Arte Contemporanea presents Fantasilandia

fantasilandia-1

Venerdì 17 settembre alle ore 18.00 inaugura presso la Galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea, a Milano in via Solferino 44, a 2 passi dal nostro negozio, la collettiva Fantasilandia, curata da Julie Kogler.

In mostra fino al 30 novembre 2010 le opere di alcuni fra i più interessanti artisti del movimento pop surrealista e lowbrow: Gary Baseman, Tim Biskup, Gary Taxali, Anthony Ausgang, Eric White, Heiko Müller e gli italiani Nicola Verlato e Gabriele Arruzzo.

Dopo il salto il comunicato stampa e le foto di alcuni dei dipinti in mostra.

The Upset – Young Contemporary Art

upset01

Possedere questo libro equivale ad avere il proprio museo di arte contemporanea in casa.

Si’, perche’ non troverete in questa opera lavori digitali, ma riproduzioni perfette delle tele e delle sculture dei 95 “nuovi” artisti che hanno contribuito a The Upset – Young Contemporary Art. Artisti di cui trovere una piccola biografia, a partire da Mark Ryden scelto come autore per la copertina.

Artisti che accompagneranno i lettori in un viaggio in un universo parallelo, dove hanno costruito la loro esistenza artistica al di fuori dei soliti giri di gallerie, mostre e esposizioni. In molti casi questa e’ stata una scelta voluta, in altri e’ stata la risposta alle reazioni del mondo dell’arte piu’ tradizionale. E questo e’ quello che i nostri 95 hanno tutti in comune: essere al di fuori dell’elite.

Divisi in otto gallerie (Lowbrow, Gothic, Realism, Illustration, Character, Urban Art, Pattern e Expressionism) troverete opere di Tim Biskup, Ray Caesar, Miss Van, Elisabeth McGrath, Jeff Soto, Yoshimoto Nara, Ron English e molti, molti altri.

Dopo il salto altre immagini.